Un milione e 600 mila biciclette acquistate in Italia nel corso del 2018. Ovvero una bicicletta ogni 20 secondi. E’ questo il dato, più che interessante, lanciato dall’Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori) nel corso di un’indagine sul mercato nazionale delle due ruote. Un dato che testimonia ancora una volta la grande passione degli italiani nei confronti della bici.

Secondo lo studio dell’Ancma il totale di biciclette prodotte nel 2018 è stato di 2.445.000 pezzi, con una differenza complessiva tra offerta e domanda di circa 800mila unità. Rispetto al 2017 la bilancia commerciale del mercato delle due ruote a pedali ha fatto registrare un segno positivo di oltre 43milioni di euro.

A trainare il mercato delle bici, come più voltre sottolineato, è certamente il comparto relativo all’e-bike. Un fenomeno in costante crescita: +16,8%, per un totale di 173.000 biciclette.

Strettamente collegato all’andamento delle vendite delle due ruote in Italia, c’è il tema della concorrenza straniera. E in particolare di quella sleale.

L’Ancma ha ribadito al riguardo la necessità di tutelare il valore di un settore che occupa più di 14mila addetti in circa 250 imprese e realizza un fatturato di oltre 1,2 miliardi di euro.
“Il beneficio della concorrenza sul mercato – ha dichiarato commissario dell’associazione, Giannetto Marchettini – è un valore fino a quando resta leale: questo limite è stato superato ed è giusto condurre queste battaglie.È una presa di posizione che non riguarda soloaspetti economici, ma anche la tutela di un’eccellenza e della riconoscibilità del saper fare italiano fatto di capacità, bellezza, innovazione e know-how uniche”.